Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 24 marzo 1998, protocollo n.464

Corsi di formazione per gli insegnanti/Determinazione numerica degli accessi


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Università e della Ricerca


Dipartimento per l'Autonomia Universitaria e per gli Studenti Ufficio I

Protocollo: n.464
Roma, 24 marzo 1998

- Ai Rettori delle Università
- ai Direttori degli Istituti di
istruzione universitaria
LL.SS.

Oggetto: Corsi di formazione per gli insegnanti/Determinazione numerica degli accessi

Al fine della predisposizione dei complessi adempimenti necessari per l'attivazione dei nuovi corsi di formazione degli insegnanti a decorrere dall'anno accademico 1998-'99, si trasmette una prima ipotesi di lavoro relativa alla determinazione numerica degli accessi sia per il Corso di laurea, sia per la Scuola di specializzazione post-laurea. 
Mentre si informa che è imminente l'invio dello schema di decreto, contenente i "criteri generali" per l'ordinamento didattico dei predetti corsi, sia alle Commissioni parlamentari e al CUN, per il prescritto parere, sia agli altri organismi interessati, per una doverosa e opportuna consultazione, si raccomanda vivamente alle SS.LL. di voler intraprendere fin da ora ogni opportuna iniziativa per il coinvolgimento di tutte le istituzioni interessate al delicato tema della quantificazione degli accessi ai corsi in questione. 
Si ribadisce che il Comitato regionale di coordinamento, di cui all'art. 3 del DPR 27 gennaio 1998, n. 25, è la sede istituzionalmente deputata a raccogliere e coordinare le proposte, da far pervenire al MURST entro il 30 aprile p.v., in ordine anche alla programmazione quantitativa degli accessi ai corsi stessi. L'attività istruttoria di cui le Università e i Comitati regionali vengono in questa fase investiti - e delle cui risultanze si terrà il massimo conto - è finalizzata alla successiva adozione dei provvedimenti formali atti alla determinazione numerica degli accessi sede per sede, anche ai sensi e per gli effetti di cui al Regolamento generale sulla programmazione degli accessi (D.M. 21 luglio 1997, n. 245). Affinché gli indicati provvedimenti formali possano essere emanati in tempo utile per i bandi delle Università per l'A.A. 1998/'99, si rende necessario che il termine del 30 aprile sia da tutti rispettato e che, pertanto, entro tale data pervengano al competente Dipartimento per l'autonomia universitaria del MURST tutte le informazioni, le proposte e le deliberazioni assunte da ciascun Comitato regionale. 
Si informa infine che, non appena esaurite le procedure di registrazione e di pubblicazione del D.M. concernente la programmazione triennale 1998-2000, sarà fatta pervenire alle SS.LL. - presumibilmente entro la prima decade di aprile - una informativa circa la quantificazione delle risorse finanziarie che potranno essere complessivamente destinate, nel triennio, per l'attivazione dei corsi in oggetto. 
Nel ringraziare anticipatamente le SS.LL. per l'attenzione e la collaborazione, preme ribadire che la nota acclusa costituisce, ad ogni effetto, un'ipotesi di lavoro, come tale aperta al più ampio contributo di riflessioni e proposte di tutte le istituzioni e soggetti interessati all'argomento.

Sottosegretario di Stato con delega per l'Università
(f.to prof. Luciano Guerzoni)




P.S. - Facendo seguito alla nota del 16 gennaio scorso, prot. n. 80, si trasmettono nuovamente le due tabelle ( prospetto allegato 1 e 2 ) contenenti l'indicazione della sede amministrativa regionale, rispettivamente per il Corso di laurea e per la Scuola di specializzazione, aggiornate con le comunicazioni pervenute al 18 marzo scorso. Si ribadisce che, per quanto concerne le strutture statali, deve essere indicata, con apposita deliberazione del Comitato regionale di coordinamento, una sola sede amministrativa, per ciascuna delle due iniziative (Corso di laurea/Scuola di specializzazione), per ogni regione. In caso di gestione consortile, la sede amministrativa può essere quella dell'università ove ha sede il consorzio. Si ribadisce l'urgenza dell'indicazione da parte dei Comitati regionali che ancora non vi hanno provveduto.



Allegati:
Ipotesi di lavoro circa la determinazione numerica degli accessi ai corsi di formazione degli insegnanti
Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3
Prospetti allegati 1 e 2