Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 28 gennaio 1999, protocollo n.637/99

Elezione del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Università e della Ricerca


DIPARTIMENTO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E STUDENTI UFFICIO II
Protocollo: n.637/99
Roma, 28 gennaio 1999

Ai Rettori delle Università
Ai Direttori degli Istituti di
Istruzione Universitaria
LORO SEDI

Oggetto: Elezione del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari

      Con riferimento ai diversi chiarimenti richiesti da parte di alcune Università, a seguito dell’emanazione dell’ordinanza ministeriale 25 novembre 1998 (O.M.), con la quale sono state indette le elezioni del C.N.S.U., si ritiene utile fornire le relative indicazioni. Si invitano le SS.LL. a volerle diffondere anche alle rappresentanze studentesche interessate e, comunque, assicurarne la massima pubblicità:

- nel caso in cui le elezioni del C.N.S.U. coincidano con quelle di altri organismi interni e i regolamenti di Ateneo prevedano per questi ultimi una commissione composta in maniera difforme da quella indicata dall’O.M. per l’elezione del C.N.S.U., ritiene questo Ministero - trattandosi di procedure elettorali diverse - che codesti Atenei non possano nominare un’unica commissione;
- per quanto riguarda la qualifica funzionale richiesta per il funzionario amministrativo dell’Università, incaricato per l’autenticazione delle firme, si ritiene che l’individuazione spetti all’autonoma decisione delle sedi universitarie, in considerazione del rispettivo personale in servizio, potendosi interpretare estensivamente la locuzione adottata in senso non tecnico nell’O.M.;
- per la medesima ragione, la composizione dei seggi elettorali, costituiti in rapporto al numero degli studenti iscritti, comporta, da parte dell’università, l’individuazione di tre dipendenti idonei allo svolgimento dei compiti diversi ad essi affidati dall’O.M.. Gli Atenei, in caso di necessità, sono autorizzati ad avvalersi di personale di altre amministrazioni pubbliche presenti sul territorio;
- l’elettorato passivo non può essere attribuito agli studenti fuori corso da più di due anni accademici, oltre il termine della durata legale del corso;
- il superamento dei limiti massimi di firme, previsti dall’art.3 dell’O.M., comporta l’inammissibilità delle candidature;
- la mancanza nell’O.M. dell’indicazione del limite minimo di firme per la sottoscrizione delle candidature degli specializzandi e dei dottorandi comporta che una sola firma di sottoscrizione per ognuno degli atenei è sufficiente per la regolare presentazione della candidatura che, comunque, deve essere sottoscritta in almeno un terzo, arrotondato per difetto, degli atenei del collegio;
- l’autentica della firma dei sottoscrittori viene effettuata ai sensi della legge 14 gennaio 1968, n.15, “Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme” e successive modificazioni;
- in merito alla componente, di cui all’art. 1, comma 1, lettera a) dell’O.M., si precisa che, all’atto di presentazione della lista, l’elettore firmatario dovrà consegnare, debitamente compilati, alla commissione elettorale locale l’allegato 1.1 (schema di presentazione della lista dei candidati), l’allegato 1.A ( simbolo e denominazione della lista, elenco dei candidati e firme di sostegno) e un allegato 1.4 ( accettazione autocertificata della candidatura) per ogni studente candidato;
- sia i candidati che i sottoscrittori delle liste debbono essere identificati dal proprio nome, cognome, luogo e data di nascita. I singoli Atenei debbono trasmettere alla commissione locale, cui è demandato il controllo delle liste e dei relativi sottoscrittori, l’elenco degli studenti titolari dell’elettorato attivo e passivo con l’indicazione dei relativi dati anagrafici;
- le liste dei candidati sono identificate da un simbolo e dalla relativa denominazione. La commissione elettorale locale provvederà ad effettuare, in presenza dei rispettivi presentatori e/o rappresentanti di lista, un sorteggio, al fine della definizione di un elenco in cui le liste dovranno comparire in sequenza progressiva; l’elenco delle liste partecipanti, così ordinato, dovrà essere affisso al di fuori di ogni seggio. Lo stesso ordine progressivo delle liste va riprodotto nelle schede elettorali;
- l’elettore, utilizzando la matita copiativa messa a disposizione dal Presidente del seggio, esprimerà il proprio voto contrassegnando il simbolo o la denominazione
- della lista prescelta, eventualmente indicando, a fianco della stessa, la propria preferenza.
E’ valido il voto espresso per la sola lista.
E’ nullo il voto sulla sola preferenza quando sia apposto in corrispondenza di una lista in cui non sia ricompreso il candidato.
E’ nullo il voto, in caso di omonimia, quando non sia espressa chiaramente l’indicazione della lista;

- le modalità e i tempi di individuazione dei rappresentanti di lista sono demandati alle singole università;
- i rappresentanti di lista, di cui all’art.3, comma 5 dell’O.M., sono quelli per le elezioni di cui all’art.1, comma 1, lettera a), essendo previste per l’elezione dei due componenti di cui all’art.1, comma 1, lettere b) e c) candidature individuali;

- le liste dei candidati relative all’elezione dei componenti di cui all’art.1, lettera a) dell’O.M., devono essere inoltrate dalla commissione elettorale locale alla commissione elettorale centrale per il tramite degli uffici amministrativi dell’università sede della stessa commissione elettorale locale.

Il Sottosegretario di Stato
(f.to Prof. Luciano Guerzoni)




Allegati:
Allegato 1.1 - Schema per la presentazione della lista dei candidati
(file in formato .pdf 7.34 KB)
Allegato 1.2 - Schema di candidatura (file in formato .pdf 9.67 KB)
Allegato 1.3 - Schema di candidatura (file in formato .pdf 9.53 KB)
Allegato 1.4 - Modulo per l’accettazione autocertificata della candidatura (file in formato .pdf 9.47 KB)
Allegato 1.A - Raccolta firme per presentazione lista (file in formato .pdf 132 KB)
Allegato 1.B - Raccolta firme per presentazione candidato (file in formato .pdf 80.6 KB)
Allegato 2.1 - Scheda elezioni (file in formato .pdf 21.7 KB)
Allegato 2.2 - Scheda elezioni (file in formato .pdf 24.4 KB)
Allegato 2.3 - Scheda elezioni (file in formato .pdf 21.3 KB)