Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 23 aprile 2001, protocollo n.935

Contributi alla cooperazione interuniversitaria internazionale – Esercizio finanziario 2001.


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Università e della Ricerca


SERVIZIO PER L’AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO V
Protocollo: n.935
Roma, 23 aprile 2001

Ai Rettori delle Università degli studi

Ai Direttori delle Scuole e degli Istituti
di Istruzione Superiore

LORO SEDI

Oggetto: Contributi alla cooperazione interuniversitaria internazionale – Esercizio finanziario 2001.

Con la presente nota il MURST intende fornire a tutte le istituzioni di istruzione superiore statali le indicazioni per l’erogazione di contributi ministeriali alle iniziative di cooperazione internazionale.

La somma stanziata sul capitolo 1276 "Assegnazioni alle Università statali per attività di cooperazione internazionale" dello stato di previsione della spesa di questo Ministero, per l’esercizio finanziario 2001, pari a £. 2.160.000.000 è così suddivisa:

  1. La somma di £. 1.900.000.000, viene ripartita secondo le seguenti percentuali e priorità individuate nell’ambito delle politiche internazionali che il Ministero intende perseguire:
  • 70% - Progetti di cooperazione interuniversitaria con i Paesi dell’area adriatico-ionica e balcanica, con particolare riferimento alla Dichiarazione sottoscritta ad Ancona il 19 maggio 2000 e con i Paesi del bacino mediterraneo, al fine di consolidare il ruolo dell’Italia nel partenariato euro-mediterraneo, con particolare riguardo a corsi di studio di 2° e 3° livello e, privilegiando reti di cooperazione che prevedano la partecipazione di almeno tre Università italiane.
  • 30% - Progetti di cooperazione interuniversitaria con i Paesi firmatari della Dichiarazione di Bologna del 19 giugno 1999, con particolare riguardo ai processi di convergenza curricolare ed al perseguimento di standard europei nella progettazione di corsi di studio ad ogni livello della formazione, privilegiando reti di cooperazione che prevedano la partecipazione di almeno tre Università italiane ed un’ampia diffusione dei risultati nell’ambito del sistema universitario nazionale.
  1. La somma residua di £. 260.000.000, relativa a stanziamenti assegnati a seguito di ratifica di Accordi culturali è così ripartita:
  • £. 20.000.000 per Accordi di cooperazione interuniversitaria con la Tunisia;
  • £. 40.000.000 per Accordi di cooperazione interuniversitaria con l’Ucraina;
  • £. 200.000.000 per Accordi di cooperazione interuniversitaria con la Federazione Russa.

Le proposte su tali stanziamenti si intendono per le consuete attività di cooperazione bilaterale e, pertanto, non sono soggette alle condizioni previste per il punto 1.

Ai fini della presentazione delle proposte, sono state approntate modalità di acquisizione informatica, di cui si allega fac-simile, e che saranno disponibili, a partire dalla fine del mese di maggio, all’indirizzo: http://cooperlink.murst.it

La scadenza per la chiusura delle proposte – da parte dei singoli coordinatori – è fissata alle ore 14.00 del giorno 30 giugno 2001.

Come già sperimentato per il bando per l’internazionalizzazione del sistema universitario, i Responsabili delegati del Rettore, utilizzando la user-name e la password già assegnate, dovranno provvedere alla certificazione dei progetti presentati ed approvati, entro il 10 luglio 2001.

Entro la stessa data del 10 luglio 2001, le Università dovranno provvedere ad inviare al MURST – Servizio per l’Autonomia Universitaria e gli Studenti – Ufficio V – P.le Kennedy, 20 – 00144 Roma, l’originale o copia autenticata della convenzione o dell’atto costitutivo della rete sottoscritti dai Rettori delle Università partners o dai loro delegati.

Non potranno essere prese in considerazione progetti per i quali non siano stati trasmessi gli atti di cui sopra.

Questo Ministero, previa valutazione delle richieste da parte della commissione per la cooperazione internazionale, provvederà a comunicare successivamente le proposte accolte, con l’indicazione del contributo assegnato che, nei limiti delle disponibilità finanziarie, potrà subire riduzioni rispetto alle richieste formulate.

Si prega di dare la più ampia diffusione della presente nota e si ringrazia per la cortese collaborazione. 

IL DIRETTORE GENERALE
(f.to Antonello MASIA)