Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 5 marzo 2001, protocollo n.536

Dottorati con tesi in co-tutela Italia/Francia.


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Università e della Ricerca


DIPARTIMENTO PER L'AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI UFFICIO V

Protocollo: n.536
Roma, 5 marzo 2001

Ai RETTORI delle Università

Ai DIRETTORI degli Istituti di
Istruzione Superiore

LORO SEDI

Oggetto: Dottorati con tesi in co-tutela Italia/Francia.

Questo Ministero, d'intesa con il Ministero dell'Educazione Nazionale, della Ricerca e della Tecnologia francese, ha concordato anche per quest'anno di promuovere un programma congiunto di sostegno alla mobilità assegnando per il 2001 sovvenzioni a 25 dottorandi italiani ed altrettanti francesi che svolgano un programma di studio finalizzato alla preparazione di una tesi di dottorato in co-tutela secondo le modalità ed i termini previsti nell'Accordo Quadro, siglato il 13.2.98, tra la Conferenza dei Rettori italiana e la Conferenza dei Presidenti d'Università francese.

Sono allegati alla presente nota il bando contenente tutte le informazioni ed i formulari che dovranno essere compilati dai candidati e presentati, assieme alla Convenzione di co-tutela sottoscritta per ogni candidato dai Rettori o loro delegati delle due Istituzioni, al MURST, Servizio per l'autonomia universitaria e gli studenti, Ufficio V.

La scadenza per la presentazione delle domande è il 16 maggio 2001

Si precisa che l'importo della sovvenzione, pari a 10 milioni di lire, verrà assegnato all'Università di origine del candidato e dovrà prioritariamente essere destinato al dottorando, in aggiunta al contributo della borsa elevato della quota parte per il soggiorno all'estero, per far fronte alle spese di mobilità collegate al progetto.

Quali destinatari del presente bando si intendono gli studenti iscritti al primo anno di un dottorato di ricerca in Italia.

La comunicazione relativa alle candidature selezionate verrà trasmessa a partire dalla fine del mese di giugno p.v.

Si prega di dare la massima diffusione dell'iniziativa, in particolare a tutti i membri dei Collegi di dottorato.

IL DIRETTORE GENERALE
(f.to Dr. Antonello Masia)