Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Ministeriale 18 aprile 2003 n. 79

Convegni 2003

Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

VISTO lo stanziamento disponibile sul Cap.5546 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero per l'esercizio finanziario 2003;

VISTO il D.M. n.45 del 25.3.2002, registrato alla Corte dei Conti il 6.5.2002, reg.1 fgl.306, concernente i criteri per l'erogazione di contributi per l'organizzazione di convegni universitari di livello  nazionale ed internazionale;

CONSIDERATA  l'opportunità di sostituire l'atto di cui sopra;

RITENUTO di dover procedere alla definizione dei criteri per l'erogazione di contributi per rimborsi e spese relative ad indagini scientifiche e per l'organizzazione dei convegni nazionali ed internazionali sostenibili con lo stanziamento di cui al citato cap.5546 ;

RITENUTO altresì di individuare all’art.3 un’apposita Commissione di valutazione, senza oneri a carico del bilancio di questo Ministero, composta da funzionari di ruolo, integrata, se del caso, con esperti esterni cui spetterà esclusivamente l’indennità di missione la cui copertura è data dal Cap. 5667 del vigente stato di previsione della spesa;

DECRETA:

lo stanziamento previsto sul Cap.5546 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero (tabella 7) per le competenze citate in premessa viene utilizzato per il corrente esercizio secondo i seguenti criteri:

Art.1. una quota pari al 10% viene destinata al finanziamento di indagini scientifiche relative alla valutazione delle conoscenze di base, correlate con le problematiche dell'orientamento agli studi superiori.

Art.2. La restante disponibilità, compresa l'eventuale quota residua non utilizzata per le finalità di cui al precedente articolo, viene utilizzata per l'80% a favore dei Convegni di livello internazionale e per il restante 20% per i Convegni a livello nazionale.

 La ripartizione verrà effettuata, proporzionalmente ai costi previsti, secondo i sottoindicati parametri:

CONVEGNI INTERNAZIONALI:
- con preventivo di spesa superiore a € 50.000,00: contributo erogabile  fino ad un massimo di  €10.000,00;
- con preventivo di spesa da € 25.000,00 a € 50.000,00: contributo erogabile  fino ad un massimo di € 5.000,00;
- non sono prese in considerazione le richieste corredate di preventivo di spesa inferiore a €25.000,00.

CONVEGNI   NAZIONALI:
- con preventivo di spesa superiore a € 30.000,00: contributo erogabile  fino ad un massimo di €5.000,00;
- con preventivo di spesa da € 10.000,00 a € 30.000,00: contributo erogabile  fino ad un massimo di €2.500,00;
- non sono prese in considerazione le richieste corredate di preventivo di spesa inferiore a €10.000,00.

I convegni di cui sopra verranno suddivisi in relazione alle sottoindicate macro-aree alle quali è assicurato non meno del 10% delle risorse complessivamente disponibili:
• scienze mediche
• storico-letterarie
• economico-giuridiche
• scientifico-tecnologiche
La parte di finanziamento riferita ad ogni singola area non assegnata per mancanza di convegni ritenuti ammissibili  è portata ad accrescimento del finanziamento delle altre aree.


Art.3. Il Ministro nomina apposita Commissione, di cui potranno far parte anche esperti esterni alla struttura ministeriale, per l’istruttoria delle richieste di contributo per l’organizzazione dei convegni di cui all’art.2.  Tali richieste dovranno pervenire entro il 31 luglio di ciascun anno.


Art.4. Terminata la fase istruttoria, che dovrà tener conto dei criteri stabiliti nel presente decreto, la Commissione redige, per l’esame e l’approvazione dell’On. Ministro, l’elenco delle richieste ammissibili esposte in ordine prioritario secondo i seguenti indicatori:
• rilevanza scientifica del programma;
• composizione internazionale dei partecipanti al convegno;
• rilievo scientifico delle Associazioni che partecipano all'organizzazione del convegno.


Art.5. L'effettiva assegnazione potrà essere disposta solo a presentazione della documentazione di spesa ed a condizione che il consuntivo non sia inferiore al preventivo per oltre il 20%. In caso contrario l'assegnazione già prevista verrà percentualmente ridotta.

Il presente decreto sarà trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione.

(Registrato alla Corte dei conti il 30/06/2003 - Registro n.4 Foglio n.185)
Roma, 18 aprile 2003

IL MINISTRO
F.to MORATTI