Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 16 gennaio 2003, protocollo n.U.R./A.F.A.M./314.38/2003

Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana - conferibili nell’anno 2003 (O.M.R.I. – Legge 3 marzo 1951, n. 178 e d.P.R. 13 maggio 1952, n. 458).


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Gabinetto
Protocollo: n.U.R./A.F.A.M./314.38/2003
Roma, 16 gennaio 2003

Ai Rettori delle Università e degli Istituti di Istruzione Universitaria
Ai Presidenti degli Enti di Ricerca
Al Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane
Ai Direttori delle Accademie di Belle Arti
Al Direttore dell’Accademia Nazionale di Arte Drammatica
Al Direttore dell’Accademia Nazionale di Danza
Ai Direttori di Conservatori di Musica
Ai Direttori degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche

LORO SEDI

e,pc.

Al Vice Ministro
Ai Sottosegretari di Stato
Al Direttore del Dipartimento per la programmazione, il coordinamento e gli affari economici
Al Direttore Generale del Servizio A.A.GG. e S.I.S.
Al Direttore del Servizio Studi e  documentazione

SEDE
Al Presidente del Collegio di Direzione del Servizio di Controllo Interno

Oggetto: Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana - conferibili nell’anno 2003 (O.M.R.I. – Legge 3 marzo 1951, n. 178 e d.P.R. 13 maggio 1952, n. 458).

Si porta a conoscenza delle SS.LL. che la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota CER/OA/50.2.8/FM/49 del 3 gennaio 2003, ha comunicato il numero delle onorificenze che potranno essere conferite nelle cinque classi dell’Ordine “Al Merito della 
Repubblica Italiana”  in occasione della ricorrenza del 2 giugno (fondazione della Repubblica) e del 27 dicembre 2003 (promulgazione della Costituzione della Repubblica).

Le onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana” potranno essere conferite a persone benemerite nel campo di attività di rispettiva competenza, tenendo conto dell’esigenza di una approfondita istruttoria delle segnalazioni, in modo da proporre solo le più meritevoli. 

Ciò stante, e al fine di consentire a questo  Ministero di poter effettuare i necessari adempimenti e di formulare, quindi, le proposte alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, si invitano le SS.LL. medesime a far pervenire a questo Ufficio di Gabinetto - Piazzale Kennedy 20, 00144 – Roma - le segnalazioni individuali concernenti le università, gli enti di ricerca e le istituzioni di alta formazione artistica e musicale, corredate dai necessari atti istruttori, giustificativi dei meriti specifici acquisiti, entro le seguenti date:

•28 febbraio 2003, per le proposte di conferimento in data 2 giugno;
•31 maggio  2003, per le proposte di conferimento in data 27 dicembre.

Si precisa, inoltre, che dette segnalazioni dovranno contenere i seguenti elementi indispensabili, da trascrivere con ogni esattezza nelle schede degli interessati:

•cognome e nome;
•luogo e data di nascita;
•comune di residenza con l’esatto indirizzo;
•qualifica rivestita;
•grado per cui viene inoltrata la segnalazione (cavaliere, ufficiale, commendatore, grande ufficiale).

Si ricorda, con l’occasione, che coloro che sono stati già insigniti di una onorificenza non possono essere proposti per una distinzione di grado superiore, se non dopo che sia trascorso almeno un triennio dalla data del decreto dell’ultimo conferimento, e che non è consentito derogare a quanto stabilito dall’art. 4 dello Statuto dell’Ordine, secondo il quale non può essere per la prima volta conferita l’onorificenza di grado superiore a quella di cavaliere, fatta salva la deroga prevista dall’art. 5 dello Statuto (es. personalità di notevole rilievo per le quali l’onorificenza della classe iniziale risulterebbe inadeguata).

Resta inteso che, per ovvie ragioni, le segnalazioni vanno trattate riservatamente e considerate non divulgabili fino alla definizione del procedimento finalizzato allo scopo.

Le SS.LL. avranno cura, infine, di indicare espressamente che i dipendenti proposti per l’onorificenza non sono incorsi in eventuali procedimenti disciplinari o penali.

Si confida, ciò stante, nel puntuale esatto adempimento.

Il Capo di Gabinetto
(f.to Michele DIPACE)