Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 12 marzo 2003, protocollo n.1172

Valutazione delle sperimentazioni didattiche ai fini del rilascio del titolo di studio.


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

SERVIZIO CENTRALE PER GLI AFFARI GENERALI E IL SISTEMA INFORMATIVO E STATISTICO AFAM
Protocollo: n.1172
Roma, 12 marzo 2003

Ai Direttori:
Accademie di Belle Arti 
Accademia Nazionale d’Arte Drammatica
Accademia Nazionale di Danza
Conservatori di musica
Istituti musicali pareggiati
Accademie di Belle Arti legalmente riconosciute

L.L.SS.

Oggetto: Valutazione delle sperimentazioni didattiche ai fini del rilascio del titolo di studio.

L’anno accademico 2002 – 2003, segnerà la conclusione del primo ciclo di sperimentazione didattica autorizzata dal Ministero.

E’ necessario garantire agli studenti che hanno frequentato i corsi sperimentali  e alle istituzioni che li hanno proposti, che il percorso formativo autorizzato dal Ministero porti al rilascio di una adeguata certificazione.

Il decreto relativo alla sperimentazione didattica per l’anno accademico 2002 – 2003 ha previsto all’art. 3 la costituzione di una apposita commissione per la valutazione dei corsi sperimentali attivati nelle Accademie e nei Conservatori. Ciò al fine di individuare i titoli o gli attestati da rilasciare e i crediti formativi acquisiti dagli studenti.

Verrà utilizzata una procedura informatizzata per garantire la massima obiettività, trasparenza e tempestività nella valutazione dei progetti autorizzati.

A tal fine, ad integrazione della documentazione sui progetti didattici, già in possesso dell’ufficio, si invitano le SS.LL. a corredare i progetti sperimentali autorizzati  con i programmi d’esame di tutte le discipline che compongono il progetto.

I dettagli tecnici sulla procedura informatizzata, che l’ufficio intende attivare, per acquisire la documentazione richiesta, saranno comunicati a breve, con una nota specifica.

Il Direttore Generale
(f.to Giorgio Bruno Civello)