Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Ministeriale 12 gennaio 2005 n. 2

Modifica e sostituzione dell'articolo 4 del Decreto Ministeriale 198/2003 relativo al "Fondo per il sostegno dei giovani"

Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

VISTA la legge 11 luglio 2003 n.170, di conversione del decreto-legge 9 maggio 2003 n.105, recante disposizioni urgenti per le Università e gli enti di ricerca nonché in materia di abilitazione all’esercizio di attività professionali;
VISTO in particolare l’art.1 della suddetta legge n.170/2003, con cui è stato istituito il “Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti”;
VISTO il D.M.n.198 del 23.10.2003, registrato alla Corte dei Conti il 3.12.2003, reg.5 fgl.192, con cui sono stati adottati criteri e modalità per la ripartizione del suddetto fondo, a decorrere dall’esercizio finanziario 2003;
VISTO l’art.4 del suddetto D.M. che, al comma 1, ha stanziato, per i fini di cui all’art.1, comma 1 lettera e) della legge, a decorrere dall’anno 2003, l’importo complessivo di euro 3 milioni da ripartire tra le università in proporzione al numero degli studenti immatricolati, nell’a/a precedente, ai corsi di laurea afferenti alle classi 21, 25, 32 e 37 del D.M.4 agosto 2000;
VISTO anche il comma 2 del citato art.4 che ha previsto il rimborso parziale delle tasse e dei contributi dovuti dagli studenti immatricolati ai corsi di laurea afferenti alle classi succitate, secondo criteri e modalità determinati dagli Atenei;
CONSIDERATA  l’opportunità di prevedere la persistenza del suddetto beneficio per l’intera durata del corso di laurea, e non solo per l’anno di immatricolazione, nonché altre forme di sostegno agli studi;
RITENUTA la necessità di procedere alla modifica del citato art.4, nel rispetto anche delle esigenze manifestate dagli Atenei;

DECRETA:

L’art.4 del D.M. 23 ottobre 2003, n.198 è soppresso e sostituito dal seguente:
 
Art.4.

1. Per i fini di cui all’art.1, comma 1 lettera e) della legge, a decorrere dall’anno 2005, l’importo complessivo di euro 3 milioni è ripartito tra le università in proporzione al numero degli studenti iscritti al secondo anno ai corsi di laurea afferenti alle classi 21, 25, 32 e 37 del D.M.4 agosto 2000, nonché in considerazione di eventuali altre forme di sostegno già predisposte con risorse dell’Ateneo con finalità di incentivazione alle iscrizioni e di supporto  agli studi per gli studenti dei corsi indicati.

2. A partire dal 2006, nella ripartizione dei fondi disponibili, si terrà conto anche del numero dei laureati, opportunamente pesato in funzione dei tempi utilizzati per il conseguimento del titolo.

3. Ciascun Ateneo, in relazione al contributo assegnato, determina, con deliberazione del competente organo statutario da rendere consultabile via web nella banca-dati per l’offerta formativa annuale, i criteri e le specifiche modalità di supporto ed incentivazione rivolte agli studenti:
a) per il rimborso parziale delle tasse e dei contributi dovuti dagli studenti iscritti ai corsi di laurea delle classi di cui al comma 1, da un numero di anni inferiore o uguale alla durata normale del corso;
b) per l’attribuzione di altre forme di sostegno agli studi, degli studenti di cui al punto a), che potranno essere estese anche agli studenti già esonerati dal pagamento delle tasse e dei contributi universitari.
c) per l’attribuzione di particolari forme di sostegno agli studi ed al conseguimento dei titoli relativi, da attribuire sulla base di criteri di merito.

Il presente decreto sarà inviato ai competenti organi di controllo per gli adempimenti di legge.

Registrato alla Corte del Conti il 05/03/2005 - Registro n.1 - Foglio n.193
Roma, 12 gennaio 2005

IL MINISTRO
(F.to Moratti)