Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 31 marzo 2005, protocollo n.959/segr/afam

Premio Nazionale delle Arti – edizione 2005: bando di concorso.


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Dipartimento per l’università, l’alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca scientifica e tecnologica Direzione Generale per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica
Protocollo: n.959/segr/afam
Roma, 31 marzo 2005

Ai Direttori delle Accademie statali di Belle Arti e delle Accademie di Belle Arti legalmente riconosciute
LL.SS.

Oggetto: Premio Nazionale delle Arti – edizione 2005: bando di concorso.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nella sua azione di valorizzazione dell’arte e della cultura italiana promuove la terza edizione del Premio Nazionale delle Arti, riservato agli studenti delle istituzioni artistiche e musicali italiane regolarmente iscritti all’anno accademico 2004/2005.
Tale concorso ha anche lo scopo di far emergere la qualità dell’istruzione superiore artistica del nostro Paese e le opportunità che essa offre ai suoi giovani talenti.
Pertanto, per le belle arti le discipline in concorso nel 2005 sono le seguenti:

ARTI GRAFICHE ARTI SCENOGRAFICHE ARTI TECNOLOGICHE
DECORAZIONE  PITTURA   SCULTURA

Il Premio Nazionale delle Arti 2005 sarà articolato in 3 fasi distinte ed ogni istituzione partecipante è tenuta a garantire ampia pubblicità all’iniziativa, assicurando pari opportunità a tutti gli studenti.
Non è ammessa la partecipazione al concorso dei vincitori delle precedenti edizioni del Premio o la presentazione di un’opera già inviata in occasione di passate edizioni del concorso.
Prima fase.
Si svolgerà all’interno delle singole istituzioni.
Una commissione nominata dal Direttore potrà selezionare da uno a tre studenti per disciplina in concorso.
Ogni studente ha facoltà di presentare fino ad un massimo di due lavori.
Gli studenti scelti dalle istituzioni dovranno inviare entro il prossimo 10 settembre, pena l’esclusione dal concorso, una documentazione fotografica delle opere, un breve curriculum vitae (10 righe) ed il modulo di iscrizione allegato, debitamente compilato in ogni sua voce.
La documentazione fotografica di ogni opera in concorso, per esigenze organizzative e logistiche connesse ai lavori delle commissioni selezionatrici e alla predisposizione del catalogo d’arte, dovrà essere inviata, su supporto cd-rom o dvd, in due differenti estensioni:
• la prima in formato elettronico TIFF a 300/350 DPI in quadricromia;
• la seconda in formato elettronico JPG.
E’ fatto inoltre obbligo, per i concorrenti nella disciplina arti tecnologiche, esplicitare con un elenco dettagliato tutti i contenuti musicali presenti nelle opere video inviate, al fine di provvedere ad eventuali diritti S.I.A.E. per il catalogo d’arte, tenuto conto che qualsiasi obbligo legale inerente a problemi di diritti d’autore sarà ad esclusivo onere del concorrente che è l’unico responsabile per l’utilizzazione non autorizzata nei suoi lavori di idee, testi, immagini, musiche, ecc. di terzi. Il MIUR è pertanto sollevato da ogni responsabilità.
Seconda fase (o inviti)
Una apposita commissione di esperti selezionerà tra tutte le fotografie in concorso le opere migliori, senza conoscere l’identità e l’istituzione di appartenenza dei concorrenti.
Il giudizio della commissione è inappellabile.
I risultati della selezione saranno pubblicati sul seguente sito internet del Ministero: http://www.miur.it/premioarti/
Le Accademie dovranno poi far pervenire a Roma le opere dei concorrenti selezionati, che saranno esposte in una mostra nazionale aperta al pubblico.
La sede prescelta per l’allestimento della mostra ed il termine di scadenza per l’invio delle opere saranno successivamente comunicati.
In caso di eventuali smarrimenti o danneggiamenti di opere inviate per la partecipazione al concorso, il MIUR rimborserà il solo costo delle materie prime utilizzate per la realizzazione delle stesse.

Terza fase.
Il Ministro nominerà apposite Giurie Nazionali del Premio, composte da personalità di chiara fama appartenenti al mondo delle Arti e della Cultura che selezioneranno il vincitore per ogni disciplina in concorso.
Il giudizio delle Giurie è inappellabile.
Non è ammessa l’assegnazione di ex-aequo per il vincitore.
Le Giurie si riservano la possibilità di assegnare riconoscimenti o segnalazioni speciali tra i partecipanti al concorso o anche “fuori concorso”.
I diritti relativi a qualsiasi esposizione o diffusione dei materiali documentali realizzati per il Premio nazionale delle Arti appartengono al MIUR e l’eventuale utilizzazione di questi non comporterà il pagamento di alcun compenso.
Le opere premiate saranno acquisite dal Ministero per la costituzione di una collezione permanente d’arte contemporanea che potrà, nel tempo, testimoniare la qualità della didattica e della produzione artistica svolta dalle istituzioni del sistema dell’alta formazione e specializzazione artistica e musicale.
Le spese di invio e di ritiro delle opere a Roma, nonché di viaggio e di soggiorno dei vincitori sono a carico delle istituzioni partecipanti.
Per il Premio Nazionale delle Arti 2005, il coordinatore, a cui dovranno essere inviati tutti i materiali del concorso, è il dr. Roberto Morese.

IL DIRETTORE GENERALE
Dott. Giorgio Bruno Civello




Allegati:
Modulo d'Iscrizione (formato .pdf)