Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Nota 7 febbraio 2006, protocollo n.2219

D.M. 5 agosto 2004, n. 262 - Programmazione del sistema universitario per il triennio 2004-2006, art.23 - Internazionalizzazione


Emblema Repubblica Italiana
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

DIPARTIMENTO PER L’UNIVERSITÀ, L’ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Direzione Generale per l’Università – Ufficio IV
Protocollo: n.2219
Roma, 7 febbraio 2006

A TUTTI I COORDINATORI DEI PROGETTI FINANZIATI

AGLI UFFICI RELAZIONI INTERNAZIONALI DEGLI ATENEI

Oggetto: D.M. 5 agosto 2004, n. 262 - Programmazione del sistema universitario per il triennio 2004-2006, art.23 - Internazionalizzazione

A seguito di molteplici richieste di modifiche sui progetti selezionati nell'ambito della 3° azione di internazionalizzazione, si richiama l'attenzione su quanto indicato a tal proposito nella nota MIUR dell'8.11.2005 - Prot. 1919: "i progetti approvati non potranno essere modificati nel corso della loro attuazione.

Sono consentite soltanto circostanziate e motivate eccezioni che non alterino le finalità e la struttura e dei progetti stessi, sulle quali si è appunto basata la valutazione da parte del Comitato tecnico-scientifico ed il conseguente cofinanziamento da parte del MIUR".

Si fa presente, inoltre, che qualsiasi eventuale variazione al progetto è un'assunzione diretta di responsabilità da parte del coordinatore e dell'Università di
appartenenza.

Tali variazioni, comunque, non potranno prescindere dalle chiare indicazioni e priorità indicate nella nota del MIUR del 1°.12.2004 prot. n. 1790, con la quale è stato lanciato il bando.

Per il momento questo Ministero non entra nel merito di alcuna variazione e si riserva di intraprendere, entro breve tempo, un monitoraggio dei progetti finanziati, al fine di verificare lo stato di attuazione delle azioni intraprese e della programmazione delle risorse finanziarie ad esse destinate.

Con l'occasione i coordinatori dei progetti potranno formalizzare le modifiche ritenute necessarie, inserendo i nuovi dati nelle schede informatiche di monitoraggio, che saranno in seguito esaminate da un'apposita Commissione di valutazione.

IL DIRETTORE GENERALE
(f.to Dr. Antonello Masia)