Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Direttoriale 23 dicembre 2010 n. 656

Programmazione delle Università 2010-2012 – attuazione art. 3, commi 4 e 7, D.M. 23/12/2010, n. 50 – assegnazione risorse finanziarie esercizio 2010

Emblema Repubblica Italiana
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

DIPARTIMENTO PER L' UNIVERSITÀ, L'A. F. A. M. E PER LA RICERCA
Direzione Generale per l'università, lo studente e il diritto allo studio universitario

IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300 e successive modificazioni;

VISTO l'art. 1-ter (programmazione e valutazione delle Università), commi 1 e 2, del D.L. 31 gennaio 2005, n. 7, convertito dalla legge 31 marzo 2005, n. 43;

VISTO il D.M. 23 dicembre 2010, n. 50 , con il quale, in attuazione di quanto previsto al predetto art. 1-ter, comma 1, sono definite le linee generali d'indirizzo della programmazione delle Università per il triennio 2010-2012;

VISTO, in particolare, l'art. 3, commi 1, 2, 3 e 4, del D.M. n. 50/2010, il quale stabilisce:

  • - al comma 1 che "Il Ministero … monitora e valuta ex post i programmi delle Università, prendendo in considerazione i risultati dell'attuazione degli stessi, facendo riferimento ai miglioramenti o ai peggioramenti che caratterizzano gli esiti delle attività di ciascuna Università …";
  • - al comma 2 che "I parametri e i criteri per il monitoraggio e la valutazione di cui al comma 1 sono definiti mediante indicatori quali-quantitativi, nel seguito denominati Indicatori, e sono individuati nel decreto del Ministro di cui all'art. 1-ter, comma 2, della legge n. 43/2005.";
  • - al comma 3 che "Al fine di tenere conto delle diversità dimensionali e di prestazione delle Università, gli Indicatori … sono ponderati, con le modalità indicate nello stesso decreto, mediante l'utilizzazione del modello per la ripartizione del fondo di finanziamento ordinario alle Università, rispettivamente, statali e non statali, di seguito denominato Modello. Per gli Istituti universitari statali ad ordinamento speciale (Scuole superiori, Scuole di dottorato e Università per stranieri), per i quali il predetto Modello non è utilizzabile, tali Indicatori sono ponderati, con le stesse modalità, mediante le percentuali di ripartizione del fondo di finanziamento ordinario relative agli stessi.";
  • - al comma 4 che "Secondo quanto previsto dall'art. 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 1998, n. 25, ai fini dell'attuazione dei precedenti commi del presente articolo sono prioritariamente destinate le risorse finanziarie iscritte nel capitolo 1690 (fondo per la programmazione…) dello stato di previsione della spesa del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, per l'anno 2010 pari a 64.323.433 …";

VISTO, altresì, che all'art. 3, commi 4 e 7, dello stesso D.M. n. 50/2010, sono stati stabiliti i criteri di ripartizione dei fondi destinati al riguardo per l'anno 2010, e, in particolare che:

  • - (comma 4, penultimo periodo) "al fine di tenere conto della diversa entità dei trasferimenti ministeriali per il funzionamento, tali risorse sono suddivise fra le Università statali (ivi compresi gli Istituti ad ordinamento speciale) e le Università non statali in due quote proporzionali al relativo fondo di finanziamento ordinario.";
  • - (comma 4, ultimo periodo) "Agli Istituti universitari statali ad ordinamento speciale, tenuto conto della loro specificità, è riservata una percentuale delle risorse pari a quella attribuita complessivamente agli stessi a valere sul fondo di finanziamento ordinario, distintamente per le Scuole Superiori e le Scuole di dottorato e per le Università per stranieri.";
  • - (comma 7) "Considerato che i risultati dell'attuazione dei programmi delle Università relativi al 2009, ultimo anno del precedente triennio di programmazione 2007-2009, devono essere valutati,  le risorse di cui al comma 4 relative all'anno 2010 sono ripartite sulla base delle variazioni degli stessi indicatori di cui al DM 8 ottobre 2007, n. 506 (Indicatori per la valutazione dei risultati della attuazione della programmazione 2007-2009), con le modalità indicate nello stesso DM. n. 506/2007. A tal fine, sono prese in considerazione le differenze tra i valori dei singoli Indicatori di risultato relativi alla fine del 2009 e quelle relative alla fine del 2008 (ultimo anno che è stato preso in considerazione nel precedente triennio di programmazione), ponderate con il Modello utilizzato per la ripartizione del fondo di finanziamento ordinario nell'anno 2009 [C.1] (ovvero, per gli Istituti ad ordinamento speciale, con le percentuali di ripartizione del fondo di finanziamento ordinario nello stesso anno 2009) [C.2], nonché le medesime ponderazioni che sono state già attribuite dagli Atenei per ciascuna area di attività in attuazione dell'art. 4, comma 3, del D.M. n. 362/2007.";

VISTO il modello per la ripartizione teorica del fondo di finanziamento ordinario alle Università (FFO) e successive modifiche predisposto dal Comitato per la valutazione del sistema universitario (Doc 1/04), che è stato utilizzato nell'anno 2009 per la ripartizione del FFO relativo alle Università statali e dei contributi previsti dalla legge 29 luglio 1991, n. 243 per le Università non statali;

VISTO il D.M. 18 ottobre 2006, n. 506 (registrato alla Corte dei conti il 22 novembre 2007, reg. 7, fgl. 40), cui fa riferimento il predetto art. 3, comma 2, del D.M. n. 50/2010 con il quale, all'art. 1, sono stati definiti gli Indicatori e le modalità per la loro utilizzazione;

CONSIDERATO che, con apposita procedura informatizzata, sono stati elaborati i predetti Indicatori, calcolata la loro variazione e la relativa ponderazione con il Modello, come descritto nel già citato art. 3, comma 7 e riportato negli allegati I (Università non statali), II (Università statali), III (Scuole Superiori e Scuole di dottorato) e IV (Università per stranieri), allegati che costituiscono parte integrante del presente decreto;

RITENUTO, in relazione a quanto sopra, di dover disporre la ripartizione del predetto importo pari, per l'anno 2010, ad € 64.323.433,00, e pertanto di dover disporre l'impegno di tale importo, stanziato sul cap. 1690 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero per il 2010;

VISTO il D.Lgs. 3 febbraio 1993 n. 29, e successive modifiche ed integrazioni;

D E C R E T A

Art. 1

 

  • 1) L'importo di € 64.323.433,00 - relativo al 2010 - viene suddiviso tra le Istituzioni universitarie statali (Università statali e Istituti ad ordinamento speciale) e le Università non statali, con i criteri di cui alla lettera A. delle premesse, come indicato nell'Allegato 1, che è parte integrante del presente decreto.
  • 2) L'importo di cui al comma 1, per la parte destinata alle Istituzioni universitarie statali, viene suddiviso tra Università statali e Istituti ad ordinamento speciale (Scuole Superiori e di dottorato, Università per stranieri) con i criteri di cui alla lettera B. delle premesse, come indicato nell'Allegato 2, che è parte integrante del presente decreto.

 

Art. 2

 

L'importo di cui all'art. 1, comma 1, del presente decreto, per la parte destinata alle Università non statali, viene assegnato per il 2010 a ciascuna di tali Istituzioni, con i criteri di cui alla lettera C.1 delle premesse, secondo quanto indicato all'Allegato 3, che è parte integrante del presente decreto, come di seguito riportato:


Università
non statali
Importo assegnato

 

Università della VALLE D'AOSTA (AO)

7.288,00

 

Libera Università di BOLZANO

19.108,00

 

Università degli studi di Scienze Gastronomiche - Bra' (CN)

2.112,00

 

Libera Univ. Mediterranea "J. Monnet" - Casamassima (BA)

6.578,00

 

Libero Istituto Universitario "C. Cattaneo" - Castellanza (VA)

15.690,00

 

Università Cattolica del Sacro Cuore - MILANO

365.300,00

 

Università Commerciale "L. Bocconi" - MILANO

117.795,00

 

Libera Università di Lingue e Comunicazione - MILANO

32.293,00

 

Libera Università Vita-Salute "S. Raffaele" - MILANO

37.608,00

 

Università degli studi "Suor O. Benincasa" - NAPOLI

38.584,00

 

Università "Campus Bio-Medico" - ROMA

19.904,00

 

Libera Università "Maria SS. Assunta" - ROMA

33.479,00

 

Libera Università Internazionale Studi Sociali "G. Carli" - ROMA

51.299,00

 

Libera Università degli studi "S. Pio V" - ROMA

6.920,00

 

TOTALE

753.958,00

 

 

Art. 3
L'importo di cui all'art. 1, comma 2, del presente decreto, per la parte destinata alle Università statali, viene assegnato per il 2010 a ciascuna di tali Istituzioni, con i criteri di cui alla lettera C.1 delle premesse, secondo quanto indicato all'Allegato 4, che è parte integrante del presente decreto, come di seguito riportato:


Università 
Statali

Importo
assegnato

Università politecnica delle MARCHE (AN)

658.260,00

Università degli studi di BARI

1.967.922,00

Politecnico di BARI

411.051,00

Università degli studi della BASILICATA (PZ)

259.839,00

Università degli studi di BERGAMO

448.223,00

Università degli studi di BOLOGNA

3.761.174,00

Università degli studi di BRESCIA

525.092,00

Università degli studi di CAGLIARI

1.090.243,00

Università degli studi della CALABRIA (CS)

1.079.777,00

Università degli studi di CAMERINO

282.214,00

Università degli studi di CASSINO

318.303,00

Università degli studi di CATANIA

1.631.935,00

Università degli studi di CATANZARO

370.271,00

Università degli studi "G. D'Annunzio" di CHIETI

975.480,00

Università degli studi di FERRARA

705.536,00

Università degli studi di FIRENZE

2.454.760,00

Università degli studi di FOGGIA

282.936,00

Università degli studi di GENOVA

1.426.229,00

Università degli studi dell'INSUBRIA (VA)

404.916,00

Università degli studi di L'AQUILA

669.086,00

Università degli studi del SALENTO (LE)

824.990,00

Università degli studi di MACERATA

360.888,00

Università degli studi di MESSINA

1.182.269,00

Università degli studi di MILANO

2.355.877,00

Università degli studi di MILANO "Bicocca"

1.162.781,00

Politecnico di MILANO

2.201.056,00

Università degli studi di MODENA e REGGIO EMILIA

831.486,00

Università degli studi del MOLISE (CB)

279.327,00

Università degli studi "Federico II" di NAPOLI

2.875.555,00

Seconda Università degli studi di NAPOLI (CE)

969.345,00

Università degli studi "Parthenope" di NAPOLI

411.412,00

Università degli studi di NAPOLI "L'Orientale"

300.620,00

Università degli studi di PADOVA

2.877.721,00

Università degli studi di PALERMO

1.922.811,00

Università degli studi di PARMA

968.984,00

Università degli studi di PAVIA

1.136.797,00

Università degli studi di PERUGIA

1.433.086,00

Università degli studi del Piemonte Or. "A. Avogadro"

417.187,00

Università degli studi di PISA

1.933.638,00

Università degli studi di REGGIO CALABRIA

276.079,00

Università degli studi "La Sapienza" di ROMA

4.099.687,00

Università degli studi "Tor Vergata" di ROMA

1.422.620,00

Università degli studi di ROMA TRE

1.117.309,00

Università degli studi di ROMA "Foro Italico"

55.216,00

Università degli studi di SALERNO

1.058.845,00

Università degli studi del SANNIO (BN)

202.458,00

Università degli studi di SASSARI

532.671,00

Università degli studi di SIENA

1.110.452,00

Università degli studi di TERAMO

246.847,00

Università degli studi di TORINO

2.224.874,00

Politecnico di TORINO

1.214.749,00

Università degli studi di TRENTO

656.094,00

Università degli studi di TRIESTE

721.776,00

Università degli studi della TUSCIA (VT)

349.700,00

Università degli studi di UDINE

747.038,00

Università degli studi di URBINO

453.997,00

Università degli studi "Ca' Foscari" di VENEZIA

740.542,00

Università "IUAV" di VENEZIA

305.311,00

Università degli studi di VERONA

858.913,00

TOTALE

62.564.255,00

 

Art. 4
L'importo di cui all'art. 1, comma 2, del presente decreto, per la parte destinata agli Istituti ad ordinamento speciale, viene assegnato per il 2010 a ciascuna di tali Istituzioni, con i criteri di cui alla lettera C.2 delle premesse, secondo quanto indicato all'Allegato 5, che è parte integrante del presente decreto, come di seguito riportato:

Istituti ad ordinamento speciale

Importo assegnato

Scuole Superiori e Scuole di dottorato

Istituto Italiano di Scienze Umane di FIRENZE

23.542,00

Scuola IMT (Istituzioni, Mercati, Tecnologie) Alti Studi di LUCCA

42.834,00

Istituto Universitario di Studi Superiori (I.U.S.S.) di PAVIA

33.573,00

Scuola Normale Superiore di PISA

361.584,00

Scuola Super. Studi Univ. e di Perfez.to "S. Anna" di PISA

239.688,00

Scuola Internaz. Super. Studi Avanzati di TRIESTE

116.681,00

Totale Scuole superiori e Scuole di dottorato

817.902,00

 

 

Università per stranieri

Università per stranieri di PERUGIA

117.763,00

Università per stranieri di SIENA

69.555,00

Totale Università per stranieri

187.318,00

 

Art. 5

 

In relazione a quanto previsto dagli artt. 2, 3 e 4 del presente decreto, viene pertanto disposto l'impegno di € 64.323.433,00 (753.958,00+62.564.255,00+817.902,00+187.318,00), a valere sul cap. 1690 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero per l'esercizio 2010.
Il predetto importo verrà accreditato con successivi provvedimenti.

Il presente provvedimento sarà inviato ai competenti organi di controllo.

Roma, 23 dicembre 2010

IL DIRETTORE GENERALE
dott. Marco Tomasi
f.to Tomasi