Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Ministeriale 1 febbraio 2013 n. 73

Accademia di Belle Arti di Roma – attivazione, dall’anno 2012-2013, corsi biennali sperimentali vari per il conseguimento del Diploma accademico di secondo livello.

Emblema Repubblica Italiana
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508 e successive modifiche ed integrazioni di riforma delle Accademie di Belle Arti, dell'Accademia Nazionale di Danza, dell'Accademia Nazionale di Arte Drammatica, degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, dei Conservatori di Musica e degli Istituti Musicali Pareggiati;

VISTO il D.P.R. 28 febbraio 2003, n. 132 concernente il regolamento recante criteri per l'autonomia statutaria, regolamentare e organizzativa delle Istituzioni artistiche e musicali, attuativo della legge 21 dicembre 1999, n. 508;

VISTO il D.P.R. 8 luglio 2005, n. 212, "Regolamento recante disciplina per la definizione degli ordinamenti didattici delle Istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica" di cui all'articolo 2 della legge 21 dicembre 1999, n. 508 ed in particolare, il comma 4 dell'art. 5, che prevede una specifica autorizzazione ministeriale per l'attivazione in via sperimentale, dei corsi di secondo livello, su specifiche proposte delle istituzioni;

VISTA la legge 9 gennaio 2009 n. 1, di conversione e modifica del decreto legge 10 novembre 2008, n. 180, ed in particolare l'art. 3 quinquies;

VISTO il D.M. 3 luglio 2009 n. 89 che individua i settori artistico-disciplinari con le declaratorie ed i campi disciplinari di competenza delle Accademie di Belle Arti;

ESAMINATI i progetti di sperimentazione didattica presentati dall'Accademia di Belle Arti di Roma, approvati dal Consiglio Accademico nella seduta del 9 maggio 2012, relativi all'attivazione dei corsi biennali sperimentali per il conseguimento del Diploma accademico di secondo livello in : "Pittura"; "Decorazione"; "Arte ambientale e linguaggi sperimentali"; "Grafica e fotografia"; "Culture e tecnologie della moda - indirizzi: Costume per lo spettacolo, Fashion Design"; "Arti multimediali e tecnologiche - indirizzi: Arti visive multimediali, Tecnico multimediale"; "Arte per la terapia"; "Scultura e arte pubblica"; "Scultura e nuove tecnologie applicate alla scultura e allo spazio"; "Scenografia - indirizzo Teatro"; "Scenografia - indirizzo Multimediale"; "Grafica d'arte";

CONSIDERATO che la struttura didattica dei progetti biennali è in linea con i criteri di cui all'art. 9 del D.P.R. 212/2005;

CONSIDERATO che i corsi biennali sopra citati, sono coerenti ai criteri previsti dall'art. 3, comma 4, del suddetto D.P.R. 212/05;

VERIFICATA
in  conformità a quanto previsto dall'art. 5, comma 4, del D.P.R. 8 luglio 2005 n. 212, l'adeguatezza delle risorse umane, finanziarie e strumentali;

ACQUISITI i pareri favorevoli espressi dal CNAM nelle adunanze del 22 maggio 2012 e del 12 settembre 2012;

DECRETA:

Art. 1


L'Accademia di Belle Arti di Roma è autorizzata ad attivare dall'anno accademico 2012- 2013 i seguenti corsi biennali sperimentali per il conseguimento del Diploma accademico di secondo livello in: "Pittura"; "Decorazione"; "Arte ambientale e linguaggi sperimentali"; "Grafica e fotografia"; "Culture e tecnologie della moda - indirizzi: Costume per lo spettacolo, Fashion Design"; "Arti multimediali e tecnologiche - indirizzi: Arti visive multimediali, Tecnico multimediale"; "Arte per la terapia"; "Scultura e arte pubblica"; "Scultura e nuove tecnologie applicate alla scultura e allo spazio"; "Scenografia - indirizzo teatro"; "Scenografia - indirizzo multimediale"; "Grafica d'arte".
I programmi didattici e gli obiettivi formativi sono determinati negli allegati A)  e B)  che costituiscono parte integrante del presente decreto.

Art. 2


L'Accademia di Belle Arti di Roma è tenuta a rilasciare, come supplemento al titolo di studio, una certificazione contenente le indicazioni sugli obiettivi formativi del percorsi didattici e sui contenuti degli stessi.

Roma, 1 febbraio 2013

F.to IL MINISTRO
Francesco Profumo