Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Ministeriale 31 luglio 2013 n. 675

Criteri ripartizione fondi dottorato e post lauream

Emblema Repubblica Italiana
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni;

VISTA la Legge 3 luglio 1998, n. 210, con particolare riferimento all'art. 4, come modificato dall'art. 19, comma 1, della legge 30 dicembre 2010, n. 240;

VISTO il Regolamento in materia di dottorato di ricerca, approvato con D.M. 30 aprile 1999, n. 224, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13 luglio 1999;

VISTO il Regolamento recante modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato, approvato con DM 8 febbraio 2013, n. 45, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 104 del 6 maggio 2013 che dispone, fra l'altro:

 

  • - all'art. 13, c. 2, che "il finanziamento ministeriale (dei dottorati attivati dalle Università) è ripartito annualmente con decreto del Ministro, sentita l'ANVUR, tenuto conto dei seguenti criteri: omissis",  relativi alla valutazione da parte della stessa dei corsi di dottorato;
  • - all'art. 15, c. 1, che  il predetto DM n. 224/1999 "è abrogato, fatta eccezione per gli art. 2, 4, 5, 6 e 7 che si applicano, in via transitoria e fino alla scadenza dei termini di cui al comma 2, ai corsi di dottorato attivi nelle Università alla data di entrata in vigore del presente regolamento";

VISTA la nota n. 740 del 9 maggio 2013 con la quale il Presidente dell'ANVUR, nelle more dei risultati della applicazione del DM n. 45/2013 e della connessa definizione del modello ANVUR di valutazione dei dottorati propone la conferma dei criteri relativi all'anno 2012 per quanto concerne l'attribuzione agli atenei del finanziamento ministeriale dell'anno 2013 a valere sui fondi del capitolo 1686, PG. 2;

CONSIDERATO altresì che:

  • - i corsi di dottorato attualmente attivi fanno interamente riferimento a cicli per i quali trova sostanzialmente applicazione il DM n. 224/1999;
  • - l'avvio a regime dei corsi di dottorato secondo i criteri di cui al DM 45/2013 è previsto a partire dall'a.a. 2014/15;
  • - non sussistono modifiche relativamente al finanziamento delle altre tipologie di borsa post laurea;

RITENUTO pertanto di confermare i criteri già adottati per l'anno 2012 relativamente al riparto agli atenei dei finanziamenti ministeriali a sostegno delle borse post laurea;

 

D E C R E T A

 

Per l'anno finanziario 2013, dopo aver detratto la quota di cui all'art. 6 del D.M. 23 ottobre 2003, n. 198, da destinare agli interventi di cui all'art. 1, comma 1, della Legge 11 luglio 2003, n. 170, le rimanenti risorse disponibili sul capitolo 1686, PG. 2, dello stato di previsione della spesa di questo Ministero, destinate al finanziamento di borse di studio per la frequenza di corsi di perfezionamento, anche all'estero, delle scuole di specializzazione, per i corsi di dottorato di ricerca e per attività di ricerca post laurea, sono ripartite tra le Università ed Istituti universitari secondo i seguenti criteri:

 

  • - il 35% proporzionalmente al numero complessivo dei laureati ex lege 19 novembre 1990, n. 341 e dei laureati specialistici/magistrali ex DD.MM. 3 novembre 1999, n. 509 e 22 ottobre 2004, n. 270, negli anni solari 2011 e 2012 pesati in funzione dell'età, secondo la seguente tabella:

Classe di età

Peso

25 e meno

0,4

26-27

0,3

28-29

0,2

30 e oltre

0,1

  • - il 35% proporzionalmente al numero dei dottori di ricerca che hanno sostenuto positivamente l'esame per il rilascio del titolo nel periodo 1.1.2011 - 31.12.2012, ad eccezione della S.I.S.S.A. di Trieste per la quale la suddetta quota è calcolata in relazione al numero complessivo dei posti dei corsi di dottorato di ricerca attivi nell'anno 2013 sulla base dell'importo minimo della borsa di studio pari a € 13.638,47;
  • - il 10% proporzionalmente al numero di studenti stranieri iscritti ai corsi di dottorato attivati negli anni 2011 (XXVII ciclo) e 2012 (XXVIII ciclo);
  • - il 10% proporzionalmente al numero di iscritti ai corsi di dottorato attivati negli anni 2011 (XXVII ciclo) e 2012 (XXVIII ciclo) e provenienti da sedi diverse da quella del dottorato; in caso di dottorati istituiti da università consorziate, sono considerati quelli provenienti da sedi diverse rispetto a quelle consorziate;
  • - il 10% proporzionalmente al numero di borse di dottorato acquisite da enti esterni negli anni 2011 (XXVII ciclo) e 2012 (XXVIII ciclo) e regolarmente messe a bando.

Il presente decreto è inviato alla Corte dei Conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Registrato alla Corte dei Conti in data 24 settembre 2013 - reg. 12, foglio 397
Roma, 31 luglio 2013

IL MINISTRO
f.to Carrozza