Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Direttoriale 18 dicembre 2014 n. 4570

Inserimento tra i progetti PONREC degli interventi decretati sui fondi PAC relativi al Titolo III dell’Avviso D.D. 713/Ric

Emblema Repubblica Italiana


IL CAPO DIPARTIMENTO

VISTO il Decreto-Legge 16 maggio 2008, n. 85 recante: "Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244", pubblicato nella G.U. n. 114 del 16 maggio 2008, convertito con modificazioni nella legge 14 luglio 2008, n. 121 pubblicata nella G.U. n. 164 del 15 luglio 2008;

VISTI   i Regolamenti Comunitari vigenti per la programmazione 2007-2013;

VISTO  il Regolamento (CE) n. 800/2008 (Regolamento generale di esenzione per categoria) della Commissione del 6 agosto 2008 che dichiara le categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato;

VISTO   il Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 ("QSN"), approvato con Delibera CIPE 174 del 22 dicembre 2006 e Decisione Commissione Europea n. 3329 del 13 luglio 2007;

VISTO  il Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 per le Regioni della Convergenza ("PON R&C"), previsto dal QSN, adottato con Decisione CE(2007) 6882 della Commissione Europea del 21 dicembre 2007, modificato con Decisione CE(2012) 7629 del 31 ottobre 2012, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dal Fondo di Rotazione (FDR) per l'attuazione delle Politiche Comunitarie, ex art. 5 della L. 16 aprile 1987 n. 183 e ss.mm.ii. e nuovamente modificato con Decisione Comunitaria del 03.12.2014 C(2014) 9363;

VISTO   che il Programma si articola in assi prioritari d'intervento e obiettivi operativi e che nell'ambito dell'Asse I "Sostegno ai mutamenti strutturali" si colloca l'obiettivo operativo "Reti per il rafforzamento del potenziale scientifico-tecnologico delle Regioni della Convergenza", che nell'ambito dell'Asse II Sostegno all'innovazione" si colloca l'Obiettivo Operativo "Azioni integrate per lo sviluppo sostenibile e la diffusione della Società dell'Informazione;

VISTO  il Protocollo d'Intesa, siglato in data 25 giugno 2009, tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - MIUR ed i Presidenti delle Regioni della Convergenza, per l'attuazione del PON R&C e i conseguenti Accordi di Programma Quadro (APQ) sottoscritti;

VISTE   le indicazioni formulate dal Tavolo Tecnico previsto dal citato Protocollo d'Intesa, istituito con Decreto Ministeriale prot. 624/Ric. del 22 ottobre 2009, in relazione alla Linea di intervento n. 2 indicata negli APQ del 31 luglio 2009 e del 8 ottobre 2009;

VISTO  il D. Lgs. del 27 luglio 1999, n. 297, "Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilità dei ricercatori" e ss.mm.ii. (il "D. Lgs. 297/1999");

VISTO  il D.M. dell'8 agosto 2000, n. 593, "Modalità procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal D. Lgs. 297/1999" e ss.mm.ii., tra cui in specie il D.M. del 6 dicembre 2005, n. 3245/Ric. ed il D.M. del 2 gennaio 2008, prot. GAB./4 Adeguamento delle disposizioni del DM 593/2000 alla Disciplina Comunitaria sugli Aiuti di Stato alla Ricerca, Sviluppo ed Innovazione di cui alla Comunicazione 2006/C 323/01 (il "D.M. 593/2000");

VISTO  il Decreto Direttoriale del 29 ottobre 2010 n. 713/Ric. (il "D.D. 713/Ric."), rivolto allo sviluppo/potenziamento dei Distretti ad Alta Tecnologia e dei Laboratori Pubblico-Privati esistenti, nonché alla creazione di nuovi Distretti ad Alta Tecnologia e/o Nuove Aggregazioni Pubblico-Private - ASSE I "Sostegno ai mutamenti strutturali - Distretti ad Alta Tecnologia e relative reti e  Laboratori pubblico- privati e relative reti" e ss.mm.ii;

VISTO  Decreto Legge del 9 febbraio 2012, n. 5 recante "Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo", convertito con modificazioni dalla Legge 4 aprile 2012, n. 35;

VISTO  il Decreto Direttoriale del 23 aprile 2012, n. 190/Ric. (il "D.D. 190/Ric."), con il quale sono state approvate le graduatorie delle proposte di Studi di Fattibilità pervenuti sul Titolo III dell'Avviso di cui al D.D. 713/Ric., così come rilasciate, previo parere del Tavolo Tecnico di cui all'art. 17, comma 1, del D.D. 713/Ric., dalla Commissione al termine della valutazione e trasmesse al Responsabile del Procedimento e alla Direzione Generale con propria nota del 3 aprile 2012 (prot. MIUR n. 480 del 3 aprile 2012);

VISTO  il Decreto Legge del 22 giugno 2012, n. 83 recante "Misure urgenti per la crescita del Paese", convertito con Legge del 7 agosto 2012, n. 134;

VISTO  il Decreto Legge del 18 ottobre 2012, n. 179 recante "Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese", convertito con Legge del 17/12/2012, n. 221;

VISTO  il Piano di Azione e Coesione (PAC), avviato con delibera Cipe 1/2011, al quale l' Autorità di Gestione (di seguito AdG) ha aderito;

VISTA  la Decisione Comunitaria del 31.10.2012 C (2012) 7629 di approvazione della rimodulazione del piano finanziario del PON "R&C", con la quale sono state devolute e rese disponibili risorse, a valere sul Fondo di Rotazione ex Legge n. 183/87, per l'attuazione del PAC per un importo MIUR totale pari a euro 767.000.000,00, cosi come da comunicazione prot. MIUR 908 del 24 gennaio 2013 e da rideterminazione prot. MISE-DPS 2349-U del 21 febbraio 2013;

CONSIDERATO  che le risorse finanziarie attribuite in particolare ai Distretti di Alta Tecnologia e relative reti e Laboratori Pubblici e Privati e relative reti sono pari a euro 500.000.000,00 a valere sul Fondo PAC;

VISTO  il Decreto Direttoriale prot. 1423 del 23 luglio 2013 con cui l'Ufficio VII della DGCSR è stato individuato quale struttura responsabile degli interventi da realizzarsi sul PAC con annesse responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo e il relativo Dirigente Autorità Responsabile del PAC;

VISTO  che l'Autorità Responsabile del PAC si impegna a garantire per le iniziative di derivazione PON ricollocate sul PAC, le stesse procedure di gestione e controllo e in particolare quelle  che concernono i controlli di primo livello di cui all'art. 60 del Reg. UE 1083/2006, per consentirne, qualora ritenuto opportuno, l'eventuale riammissione ai benefici del FESR;

VISTO  il Decreto n. 48/2013 del 7 agosto 2013 con cui il Ministero delle Finanze ha disposto la rideterminazione del finanziamento a carico del Fondo di Rotazione, di cui alla Legge n. 183/1987, per l'attuazione degli interventi previsti dal PAC;

CONSIDERATO quanto previsto dall'art. 48  comma 3 del Reg.1083/2006 e dall'art. 1, comma 5 del Reg. 539/2010 che prevede che "laddove siano presentate proposte per la revisione dei programmi operativi venga effettuata un'analisi sui motivi della revisione, comprese le difficoltà di attuazione";

TENUTO CONTO del protrarsi delle condizioni negative del contesto economico e del loro impatto sui soggetti beneficiari pubblici e privati;

VISTA la manovra di riprogrammazione del Piano Finanziario del PON "R&C" redatta in conformità con l'art. 33, par. 1 del Regolamento (CE) 1083/2006 consistente in una rimodulazione finanziaria con riduzione del cofinanziamento nazionale di un importo pari 287,5 milioni di euro, con la conseguenza di portare il tasso di cofinanziamento comunitario al 75%;

VISTA  la Decisione Comunitaria del 03.12.2014 C(2014) 9363 final di approvazione della riprogrammazione finanziaria del PON "R&C", redatta in conformità con l'art. 33, par.1 del Regolamento (CE) 1083/2006;

VISTA la richiamata disponibilità pari a euro 500.000.000,00 a valere sul fondo PAC per i Distretti di Alta Tecnologia e relative reti e Laboratori Pubblici e Privati;

VISTI  i decreti di ammissioni emanati ai sensi dell'Avviso D.D. 713/Ric. Titolo III "Creazione di nuovi Distretti e/o nuove Aggregazioni Pubblico-Private"  a valere sulle disponibilità del PAC;

CONSIDERATO  l'impegno complessivo dei suddetti progetti pari a euro 357.068.904,41 a valere sulle risorse PAC e la spesa erogata complessivamente pari a euro 101.776.973,64;

CONSIDERATO  che per tali progetti sono stati adottati gli stessi criteri di selezione, controllo e monitoraggio disposti dai Regolamenti Comunitari per i progetti finanziati direttamente sui fondi comunitari;

CONSIDERATA  l'opportunità di procedere all'inserimento nel parco progetti del PON"R&C"  degli interventi decretati a valere sui fondi PAC dell'Avviso D.D. 713/Ric. Titolo III "Creazione di nuovi Distretti e/o nuove Aggregazioni Pubblico-Private" e per i quali è intervenuta ad oggi almeno un'erogazione (Allegato 1) al fine di evitare il disimpegno automatico derivante dall'applicazione del Target n+2 previsto dai Regolamenti Comunitari;

 

DECRETA

Articolo 1

  • 1. Gli interventi di cui all'Allegato 1 delle premesse, limitatamente al contributo PAC, sono inseriti nel PON "R&C".
  • 2. Le risorse necessarie per gli interventi di cui al comma 1 del presente decreto e  determinate  a titolo di contributo nella spesa sono pari complessivamente a Euro 243.447.249,15 a valere sui fondi comunitari del "PON R&C".

Articolo 2

  • 1. Restano ferme tutte le condizioni e modalità di approvazione previste nei decreti di    ammissione richiamati nelle premesse.

 

Articolo 3

  • 1. Il presente decreto sarà pubblicato nelle rituali forme di legge e, in ogni caso, sul sito      internet del MIUR e del PON "R&C".
Roma, 18 dicembre 2014

IL CAPO DIPARTIMENTO
(Prof. Marco MANCINI)