Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
 
 
Decreto Interministeriale 23 novembre 2016 n. 914

Bando integrativo professioni legali sedi di Macerata Perugia e Urbino - Rinvio delle prove

Emblema Repubblica Italiana
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

di concerto con

il Ministro della Giustizia

VISTO            il decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e successive modificazioni, recante modifiche alla disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme sulle scuole di specializzazione per le professioni legali, a norma dell'articolo 17, commi 113 e 114, della legge 15 maggio 1997, n. 127;

VISTO            in particolare l'art. 16, comma 5, del predetto decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, che dispone che l'accesso alle scuole di specializzazione avvenga mediante concorso per titoli ed esame, e il comma 6 secondo il quale le prove di esame hanno contenuto identico sul territorio nazionale e si svolgono in tutte le sedi delle scuole. La votazione finale è espressa in sessantesimi. Ai fini della formazione della graduatoria, si tiene conto del punteggio di laurea e del curriculum degli studi universitari, valutato per un massimo di dieci punti.;

VISTO            il decreto del Ministro dell'università, della ricerca scientifica e tecnologica di concerto con il Ministro della giustizia, 21 dicembre 1999, n. 537, e successive modificazioni, concernente il Regolamento recante norme per l'istituzione e l'organizzazione delle scuole di specializzazione per le professioni legali, e, in particolare, l'art. 4, commi 1 e 3, che stabilisce che alle scuole si accede mediante concorso annuale per titoli ed esame, indetto con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro della giustizia, con unico bando pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e che prevede, altresì, che nel bando siano indicate le sedi e la data della prova di esame, i posti disponibili presso ciascuna scuola, le necessarie disposizioni organizzative e la sede ove, il giorno delle prove, controllata l'integrità dei pieghi, è sorteggiato l'elaborato per la prova da parte di un candidato, nonché le modalità di comunicazione dell'elaborato prescelto a tutte le sedi;

VISTA     la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate", e successive modificazioni;

VISTA            la Legge 8 ottobre 2010 , n. 170 recante "Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico" e successive modificazioni;

VISTO            il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro della giustizia, n. 630 dell'8 agosto 2016, che stabilisce, ai sensi dell'articolo 16, comma 5, del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e dell'art. 2, comma 1, lett. b, n. 1), della legge 25 luglio 2005, n. 150, che il numero complessivo dei laureati in giurisprudenza da ammettere alle predette scuole di specializzazione nell'anno accademico 2016-2017 è pari a 3.650 unità;

VISTO            il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro della giustizia, n. 629 dell'8 agosto 2016, che indice il concorso pubblico per titoli ed esame per l'ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali per l'anno accademico 2016-2017, ai sensi dell'articolo 16, comma 5, del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398 e dell'articolo 4 del regolamento adottato con decreto 21 dicembre 1999, n. 537;

VISTE            la nota prot. n. 32556 del 27 ottobre 2016 dell'Università degli studi di Urbino 'Carlo Bo', la nota prot. n. 19171 del 2 novembre 2016 dell'Università degli studi di Macerata, la nota prot. n. 78362 del 2 novembre 2016 dell'Università degli studi di Perugia, con cui i predetti Atenei hanno comunicato la sospensione di ogni attività didattica, e quindi il mancato svolgimento della prova concorsuale per l'accesso alla scuola di specializzazione per le professioni legali presso le stesse sedi il giorno 27 ottobre 2016, a causa dei noti eventi sismici verificatisi il giorno precedente in quei territori;

RAVVISATA pertanto la necessità di provvedere, ai sensi dell'articolo 4 del decreto 21 dicembre 1999, n. 537, alla fissazione di una nuova data per lo svolgimento del concorso nazionale per titoli ed esame per l'accesso alle scuole di specializzazione per le professioni legali per l'anno accademico 2016-2017 soltanto per le sedi di Macerata, Perugia ed Urbino, procedendo, altresì, a fornire le necessarie indicazioni operative idonee a consentirne l'espletamento;

D E C R E T A:

Art. 1

Svolgimento del concorso presso le sedi di Macerata, Perugia e Urbino

  • 1. Per l'anno accademico 2016-2017, il concorso pubblico per titoli ed esame per l'ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali, ai sensi dell'articolo 16, comma 5, del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398 e dell'articolo 4 del regolamento adottato con decreto 21 dicembre 1999, n. 537, si svolge, presso le sedi di Macerata, Perugia ed Urbino, il giorno 24 novembre 2016.

  • 2. A tal fine, sarà somministrata una nuova prova d'esame, appositamente predisposta dalla commissione tecnica nominata con decreto ministeriale 29 agosto 2016, n. 660, come successivamente integrata, ai sensi dell'art. 4, comma 3, del decreto ministeriale 537/1999 citato nelle premesse.

  • 3. Il giorno dello svolgimento della prova, alle ore 10, la commissione giudicatrice costituita presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di Perugia, previo controllo dell'integrità dei plichi contenenti le prove d'esame, invita uno dei candidati presenti ad estrarre a sorte una delle tre buste contenenti le prove d'esame ai sensi dell'articolo 4, comma 3, del decreto ministeriale 21 dicembre 1999, n. 537.

  • 4. Il numero che contrassegna la prova d'esame sorteggiata è comunicato, per via telematica, ai responsabili del procedimento di ciascuno dei tre atenei al fine dell'immediato espletamento della prova di esame. La consegna degli elaborati è effettuata contestualmente a tutti i candidati presenti nella sede di esame. Il tempo a disposizione decorre dal momento in cui la commissione autorizza l'apertura delle buste contenenti i questionari. È in ogni caso disposta l'esclusione dalla prova del candidato che abbia aperto il plico contenente il questionario prima dell'autorizzazione della commissione.

  • 5. Per la predisposizione dei plichi contenenti le singole prove di ammissione, per la relativa stampa, nonché per l'analisi e l'accertamento dei risultati, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca si avvale del CINECA,

  • 6. Il giorno 23 novembre 2016 i responsabili del procedimento di ciascuna sede, o loro delegati, provvedono a ritirare gli elaborati presso il consorzio interuniversitario CINECA, al quale, successivamente all'espletamento della prova d'esame e comunque non oltre la stessa data di svolgimento del concorso, inoltrano per la correzione i moduli risposte compilati dai candidati.

  • 7. L'esito della correzione degli elaborati è comunicato dal CINECA stesso ai responsabili del procedimento di ciascun ateneo ai fini della valutazione di cui all'art. 6 del bando di concorso emanato con decreto n. 629 dell'8 agosto 2016.

  • 8. Per quanto non espressamente previsto dal presente decreto, si rinvia al D.M. 8 agosto 2016 n. 629, di cui in premessa, recante il Bando di concorso per le scuole di specializzazione per le professioni legali a.a. 2016/2017.
Roma, 23 novembre 2016

Il Ministro
dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca

(f.to Stefania Giannini)

Il Ministro della Giustizia


(f.to Andrea Orlando)